Informativa Privacy - Utilizzo dati Particolari

Destinatari: Clienti della BCC DEL VIBONESE

Informativa al Cliente sull'uso di categorie particolari di dati personali da parte della Banca

Gentile Signora/e,

ad integrazione dell'informativa a suo tempo fornita, ai sensi dell'art. 13 del Regolamento 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento di dati personali nonché alla libera circolazione di tali dati, desideriamo fornirLe alcune ulteriori informazioni sul trattamento di alcune categorie particolari di dati acquisiti in relazione allo specifico servizio/prodotto da Lei richiesto. La Banca infatti per poter dare esecuzione alla Sua richiesta deve trattare alcuni dati che la legge definisce “particolari”, perché da essi possono desumersi informazioni che potrebbero rivelare l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale; inoltre appartengono a tale categoria anche i dati genetici, i dati biometrici intesi ad identificare in modo univoco una persona fisica, i dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all'orientamento sessuale della persona.

Per il trattamento di tali dati la vigente disciplina richiede una specifica manifestazione di consenso.

La nostra Banca utilizza tali dati esclusivamente al fine di fornire il servizio/prodotto da Lei richiesto.

I dati personali inclusi in tali categorie particolari possono essere conosciuti dal personale dell'agenzia di riferimento e della Banca nonché da amministratori e sindaci, in relazione alle funzioni svolte, mediante strumenti anche informatici e telematici, e con modalità e logiche di organizzazione, elaborazione e trasmissione dei dati strettamente correlate agli specifici servizi ed operazioni richiesti.

A seconda dell'operazione o servizio, i Suoi dati possono essere comunicati dalla Banca ad altri soggetti[1], e trattati da questi ultimi soggetti per le attività necessarie all'esecuzione di quanto richiesto. I dati possono essere trattati anche da società specializzate a cui la Banca affida compiti di natura tecnica ed organizzativa necessari per la gestione dei rapporti con la clientela, come i gestori di servizi informatici, servizi di postalizzazione e archiviazione documentale, servizi di consulenza, servizi di controllo, ecc.

La Banca può trasferire i dati personali del cliente in paesi terzi ad una delle seguenti condizioni: che si tratti o di paese terzo ritenuto adeguato ex. art. 45 del Regolamento UE 679/2016 o di paese per il quale la Banca fornisce garanzie adeguate o opportune circa la tutela dei dati ex art. 46 e 47 del citato Regolamento UE e sempre a condizione che gli interessati dispongano di diritti azionabili e mezzi di ricorso effettivi. Il cliente potrà comunque rivolgersi alla Banca per ottenere una copia di tali dati e conoscere il luogo dove gli stessi sono disponibili.

Periodo di conservazione dei dati personali

La Banca conserva, di regola, i dati del cliente per un periodo di dieci anni dall'estinzione del rapporto, salvo che sia previsto un periodo di conservazione diverso (ad esempio nel caso di contenzioso o per adempiere ad un obbligo di legge) che potrebbe essere inferiore o superiore a detto termine; in tali casi, i dati saranno conservati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati. Durante tale periodo saranno, comunque, attuate misure tecniche e organizzative adeguate per la tutela dei diritti e delle libertà dell'interessato.

I diritti del cliente

La normativa sulla privacy attribuisce ad ogni cliente alcuni diritti riguardo all'uso dei dati che lo riguardano[2].

In particolare, il cliente ha il diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i suoi dati detenuti dalla Banca, da dove provengono, come e da chi vengono utilizzati. Il cliente ha poi anche il diritto di fare aggiornare, integrare e rettificare i dati, se inesatti od incompleti, nonché il diritto di chiederne la cancellazione o la limitazione del trattamento e di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.

Il cliente ha anche il diritto di revocare il consenso al trattamento senza che ciò pregiudichi la liceità di trattamenti antecedenti alla revoca basati sul consenso precedentemente prestato. Il cliente ha, inoltre, diritto di ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico i propri dati personali e ha il diritto di trasmettere tali dati a un altro titolare.

In tali casi il cliente, se tecnicamente possibile, ha diritto di ottenere la trasmissione diretta dei dati. Tali diritti possono essere esercitati dal cliente direttamente nei confronti della Banca, Titolare del trattamento, rivolgendo le eventuali richieste all'agenzia di riferimento.

Tali diritti possono essere esercitati dal cliente direttamente nei confronti della Banca, Titolare del trattamento, rivolgendo le eventuali richieste, oltre che all'agenzia di riferimento, presso:

U.O. Referente Interno DPO

Via Dante Alighieri snc - 89900 Vibo Valentia (VV)

ovvero all'indirizzo di posta elettronica: dpo.88872@iccrea.bcc.it.  

Resta fermo che l'interessato potrà contattare il DPO per tutte le questioni relative al trattamento dei suoi dati personali e all'esercizio dei propri diritti. L'esercizio dei diritti non è soggetto ad alcun vincolo di forma ed è gratuito, salvi i casi previsti dalla normativa in cui la Banca può stabilire l'ammontare dell'eventuale contributo spese da richiedere. Il cliente ha inoltre diritto di presentare un reclamo all'autorità garante per la protezione dei dati dello Stato membro in cui risiede, lavora o si è verificata la presunta violazione.

 

[1] Questi soggetti e società sono ns. diretti collaboratori e svolgono la funzione del "responsabile" del ns. trattamento dei dati, oppure operano in totale autonomia come distinti "titolari" del trattamento. Si tratta anche di soggetti che svolgono servizi bancari e finanziari; società di servizi per l'acquisizione, la registrazione ed il trattamento di dati rivenienti da documenti o supporti forniti o originati dagli stessi clienti ed aventi ad oggetto lavorazioni massive relative a pagamenti, effetti, assegni ed altri titoli; società che svolgono attività di trasmissione, imbustamento, trasporto e smistamento delle comunicazioni alla clientela; società che svolgono servizi di archiviazione della documentazione relativa ai rapporti intercorsi con la clientela; enti interbancari che rilevano i rischi finanziari; società di gestione di sistemi nazionali ed internazionali per il controllo delle frodi ai danni delle banche e degli intermediari finanziari; società di cartolarizzazione; società emittenti carte di credito o debito; società di recupero crediti; professionisti e consulenti in ambito legale e contabile; intermediari e promotori finanziari, mediatori e sviluppatori creditizi.

[2] Capo III Regolamento UE 679/2016